#28 #DINETTEMICRO #MICROSENSATIONS #mangiareconlemani

28_DINETTEMICRO #MICROSENSATIONS #mangiareconlemani

“Mangiare con la mano è naturale, mangiare con una forchetta è culturale” Forchette, mani, bacchette? Specialisti ed educatori, sociologi hanno scritto libri e saggi su come mangiano nella vita quotidiana i 7,5 miliardi di abitanti del pianeta. Tre miliardi e mezzo di persone in tutto il mondo mangiano con la mano, ma sono considerate come “maleducate” in mezzo mondo. Mangiare con le mani è il più comune al mondo, ma era un’abitudine anche in Europa per secoli, anche per le élite del Medioevo, del quattordicesimo e del quindicesimo secolo. L’unica posata che apparve sul tavolo era un coltello, o anche un cucchiaio, che l’ospite portava con sé. La forchetta esisteva già in Italia dall’XI secolo: erano le forchette con due rami usati dalle donne. Ma la mano era lo strumento più comune sia per i poveri che per l’élite.

“Si deve imparare come usarle. La mano è naturale, la forchetta è culturale”.

In Francia, fu Caterina de Medici (1519-1589) a portare sulle tavole la forchetta, perchè i francesi mangiavano ancora con le mani. Tuttavia, Luigi XIV, il Re Sole (1638-1715), trovava disdicevole l’uso della forchetta preferendo, con le mani, un contatto diretto con il cibo. E’ proprio da qui che nasce il detto “mangiare il pollo con le mani, è da Re”, togliendo così dall’imbarazzo chi non sa usare coltello e forchetta e mangia, appunto, con le mani.

La forchetta appare nell’iconografia del XVI secolo, dove non era usato per portare il cibo alla bocca. Nel diciassettesimo e diciottesimo secolo, è presente sul tavolo dei ricchi, ma il suo uso non è ancora sistematico.Luigi XIV mangia con le dita mentre la regina tiene una forchetta. Quindi l’alta società gradualmente si converte. Nel diciannovesimo secolo non è più considerata elitaria, grazie alla creazione nel 1760 di ristoranti pubblici, che vengono gradualmente indirizzati a tutti i gruppi sociali, attraverso locande e cabaret. Ma in campagna, si poteva ancora mangiare con le dita nel diciannovesimo secolo.In molte parti del mondo, mangiare con le mani è considerato civile. In Italia per alcuni piatti ad esempio le cosce di rana, usiamo le dita.

Il coltello sin dai tempi più antichi è stata la posata più importante. Nel Medioevo, divenne arma da caccia e da combattimento portato appeso alla cintura e infilato in un’apposita custodia, di legno, pelle o cuoio, a volte anche decorata, che serviva per proteggersi e proteggere l’arma stessa. Divenne un oggetto individuale, al punto che ognuno arrivava a tavola portando il proprio coltello personale “alla cintura”. In seguito, in tale fodero, si cominciarono a portare anche cucchiai e poi forchette (si trattava quindi di una dotazione prevalentemente maschile). Da qui il significato della parola “posate”: fa infatti riferimento al fatto che si tratta di oggetti appoggiati, posati appunto, sulla tavola. Secondo Confucio, l’uso del coltello è barbaro e deve essere lontano dal tavolo. “Il vero pericolo non è l’utensile, è l’ospite! ” Gli europei erano molto presenti in Cina, un paese che condividevano politicamente, ma non sono mai riusciti a imporre la forchetta sul tavolo: è la forza di una cultura, di una civiltà. Se il mondo occidentale è stato in grado di imporre molti aspetti delal vita quotidiana si può affermare che a livello di “educazione culinaria” non ci siano riusciti sino ad oggi: anzi siamo noi che “proviamo” ancora a mangiare al ristorante cinese con le kuàizi. Al MICRO e al DINETTEMICRO la “mise en place” è minimalista perchè “less is more” e quando vediamo mangiare le crocchette di baccalà nella contenitore street food in pura cellulosa con la forchetta ci chiediamo quale sia il maestro di galateo che ha creato questa confusione nella cultura del mangiare con le mani. Per noi è magnaire sano.

#MICROitalia #DINETTEMICRO #BISTROT #starebene #DINETTEMICRO #mangiareconlemani #mangiaresano #MICROsensations #EccellenzeRomagnole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.